esterni condivisi : TIPISTUDIO


Esterni Condivisi RE/XLAM
progetto per gli spazi aperti del condominio solidale di Pinarella di Cervia

tipologia: Incarico
cliente: Cooperativa Sole
Anno: 2015
luogo: Pinarella di Cervia (RA)
coautori: sTreet studio

Il condominio solidale “La pantera rosa” di Pinarella di Cervia gestito dalla Cooperativa Sole è un contesto difficilmente definibile, può essere considerato uno spazio privato, ma allo stesso tempo ha caratteristiche funzionali e spaziali di grande socialità, forse più attribuibili ad uno spazio pubblico. Una progettazione dello spazio esterno condivisa con gli utenti può far emergere necessità che normalmente possono sfuggire agli occhi del progettista. Per questo si è delineata l’ipotesi di un percorso partecipato con gli abitanti del condominio e la cooperativa che assieme ai progettisti (Tipi studio e sTreet) penseranno e realizzeranno un giardino fruibile anche dalle utenze più deboli che vivono nel condominio. In particolare per quanto riguarda gli arredi, la scelta di utilizzare un materiale di recupero (in questo caso il legno strutturale multistrato) oltre ad implicare un risparmio economico sulla materia prima, conferisce al lavoro anche un valore sperimentale ed educativo che ben si inserisce nel progetto sociale del condominio solidale.
Il progetto si articola in diversi step che si possono riassumere in una fase iniziale di progettazione riservata agli “addetti ai lavori” (architetti, paesaggisti e committenti) ed una seconda fase aperta a tutti gli utenti del giardino che punta al perfezionamento della progettazione degli arredi e del verde e a stabilire una gerarchia delle necessità. Questa seconda fase si svolgerà in forma di assemblea aperta, sarà ripetuta periodicamente analizzando un tipo di arredo per volta e sarà seguita da una fase di costruzione sul luogo. Una forma laboratoriale di questo tipo, oltre a permettere ai progettisti di migliorare il design e le fun- zionalità degli elementi, potrebbe innescare un empowerment, un sentimento di responsabilizzazione negli utenti, garantendo la manutenzione del giardino nel tempo.

Il tema del riuso e del recupero è oggi dominante nell’ambito della sostenibilità ambientale ed economica. Riciclare sottende alla necessità economica ed energetico/ambientale di estendere la vita utile di un oggetto, un materiale, un luogo. A tale proposito, il progetto RE/XLAM intende evidenziare l’opportunità di recupero degli scarti di lavorazione del’XLAM (cross-laminated), prodotto in legno stratificato nato per le costruzioni edili.
La criticità di un materiale che dev’essere smaltito come rifiuto speciale, diventa per il designer una straordinaria occasione per incrementarne al contempo il valore (funzionale ma anche estetico) e la vita utile, da cui consegue un beneficio sia economico che ambientale, conferendo al materiale XLAM un ancor maggiore contenuto di ecosostenibilità.

RE/XLAM non vuole limitarsi ad essere un evento una tantum, ma intende formalizzarsi quale “workshop permanente”, un laboratorio aperto per la sperimentazione di soluzioni inerenti al recupero dell’XLAM, un think tank che possa mettere a sistema idee provenienti da direzioni diverse, un soggetto che faciliti il collegamento tra l’industria del design e quella del prodotto. Potrebbe essere il punto di partenza per una piattaforma collettiva condivisa per tutti coloro, professionisti, artigiani ed imprenditori, che hanno proposte ed idee a riguardo.